Da ormai sei anni, le studentesse del Centro Provinciale Istruzione Adulti di Asti partecipano al Concorso letterario nazionale Lingua Madre con i loro racconti. Una delegazione del CPIA è stata presente alla premiazione della XIV edizione di lunedì 13 maggio 2019 al Salone Internazionale del Libro di Torino, dove ha letto i racconti vincitori l’attrice e autrice Nunzia Scarlato.

Ha condotto l’evento l’ideatrice del Concorso, Daniela Finocchi, il cui entusiasmo e passione sono stati coinvolgenti e commoventi. Alla premiazione hanno partecipato Antonella Parigi, Assessora alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte; Giulio Biino Presidente Fondazione Circolo dei lettori; Maurizia Rebola, Direttora Fondazione Circolo dei lettori; Nicola Lagioia Direttore editoriale del Salone Internazionale del Libro; inoltre le rappresentanze diplomatiche dei Paesi d’origine delle vincitrici e i sindaci delle città di residenza in Italia. Al temine della cerimonia di premiazione, le autrici straniere e italiane in platea sono salite sul palco per la foto. A tutte le autrici presenti è stato rilasciato un attestato di partecipazione al Concorso.

Le allieve, accogliendo la proposta della loro insegnante di italiano, raccontano la loro esperienza di vita per il Concorso Nazionale Lingua Madre e così affrontano i temi della migrazione e del contatto tra culture diverse.

Quest’anno i racconti di due studentesse saranno pubblicati nel volume “Lingua Madre Duemiladiciannove – Racconti di donne straniere in Italia” (Edizioni Seb27): Alina Gruntovaya dalla Russia con “Morbido cactus” e Besarta Kurti dall’Albania con “La signora Lidia”.

Alina Gruntovaia è nata nel 1988 a Murmansk, allora URSS. A dodici anni si è trasferita con la famiglia a Mosca. È venuta in Italia per una vacanza e ci è rimasta per amore. Da sei anni sta costruendo la sua vita in Italia. Abita a Costigliole d’Asti e lavora a Montegrosso in una fabbrica. Nel frattempo la sua famiglia si è allargata, lei e suo marito hanno messo al mondo due bellissime bimbe: la più grande ha due anni e mezzo e la più piccola è nata pochi giorni fa. Nonostante le difficoltà e gli ostacoli adesso Alina ha tutto quello che sognava da piccola. 

Besarta Kurti è nata 35 anni fa a Durazzo, Albania. Da circa vent’anni abita a Canelli, un piccolo centro in provincia di Asti, dove lavora.  In Italia si è ambientata bene, nonostante le difficoltà linguistiche iniziali. Nel tempo libero le piace leggere, ascoltare musica e fare piccoli viaggi per conoscere meglio l’Italia. 

L’anno scorso sono stai pubblicati i quattro racconti di Dzhamiliat Abdulaeva Magomedova, della Repubblica del Daghestan; di Saira Afzal, del Pakistan; di Liljana Anakievska e di Emilija Lazarova, della Macedonia. Nel 2017 è stato pubblicato il racconto di Lamiae Zriouaa, Marocco. Nel 2016 sono state ben tre le studentesse del CPIA premiate e due le allieve nei due anni precedenti (2015 e 2014). Tutti i loro racconti si trovano nella raccolta antologica ufficiale del concorso, che viene pubblicata ogni anno.